Home
Botanica e Cucina all’Argentario
cucina argentario

Botanica e Cucina all’Argentario

La Cucina dell’Argentario si unisce alla Botanica del Territorio collaborando insieme per creare dei piatti genuini, prelibati e che vivono nelle nostre tavole da generazioni.

La natura si sta risvegliando piano piano e puntuale ci regala delle prelibatezze da gustare secondo le ricette tramandate nel nostro territorio da generazioni!

In tutto il promontorio dell’Argentario si estende la tipica macchia toscana, e tra questa, è possibile trovare la pianta della borragine che sprigiona tutte le sue proprietà balsamiche e benefiche, sopratutto nel mese di giugno.

La pianta della Borragine ha una storia davvero molto antica, e negli anni sono diventanti molti i suoi possibili utilizzi, anche nella cucina dell’Argentario.

La Borragine viene utilizzata, in primis, grazie alle sue proprietà benefiche e balsamiche, per contrastare problemi respiratori o per trattare irritazioni cutanee e infiammazioni. E Funziona!

L’infuso dei suoi fiori ha tra l’altro proprietà diuretiche e depurative, mentre le foglie bollite vengono utilizzate come decongestionanti e emollienti.

Questa fantastica pianta, che sorge annualmente nella Maremma, è formata da enormi foglie ricoperte da peli biancastri e piccoli fiorellini celesti o rosa ed è, come avrete potuto leggere sopra, un fantastico rimedio contro infiammazioni e piccoli problemi respiratori ma, come detto all’inizio, è anche un ottimo ingrediente che viene utilizzato da sempre nella cucina dell’Argentario, o più in generale Maremmana!

Anche in questo caso le applicazioni sono molteplici e ognuno ha la sua ricette preferita.

Uno dei modi più golosi di mangiare la borragine è fritta, passata in una cremosa pastella che renderà ogni morso croccante.

Tra le ricette più antiche, si possono trovare zuppe, frittate e un buonissimo ripieno per dei ravioli pazzeschi.

Dato l’arrivo della stagione estiva la scelta potrebbe essere quella di utilizzare le foglie di borragine crude, tritate finemente, per arricchire le insalate con un gusto fresco, molto simile al cetriolo.